Regina Hübner > visions > now > desire > words > texts > desire

 

 

La pozza d’acqua

E una pozza d’acqua non più profonda di un dito,

che si trova in mezzo alle pietre nel lastrico delle strade,

offre vista sotterra così profondamente,

quanto s’apre da terra il profondo abisso del cielo:

così che ti sembra di guardare, giù, le nubi e vedere lì il cielo,

corpi in modo stupefacente rimossi dal cielo, qui in terra.

 

Mutare l’idea in spazio e lo spazio in pensiero;

fare del cielo, materia

e della materia, un nuovo cielo.

 

 

Titus Lucretius Carus

La Pozza d’Acqua – I sec.a.C. (De rerum natura, Libro quarto, Sensazione e pensiero, vv.414-419)

 

Enrico Realacci

Riflessione di un architetto sulla metafora de "La pozza d'acqua", 2007